Crea sito

STRUTTURA DEL TORNIO PARALLELO

Tornio Parallelo

Molte sono le macchine utilizzate per la tornitura, ma quella che permette di eseguire una quantità elevata di lavoro è il tornio parallelo.

Il tornio, infatti, e adatto per la produzione di pezzi in numero ridotto; non troppo pesanti o ingombranti e di forme geometriche non complesse.

Per le lavorazioni più complesse e impegnative si usano torni semiautomatici, torni speciali, automatici e a controllo numerico.

Gli elementi fondamentali che compongono il tornio parallelo sono :

  1. Basamento
  2. Vasca raccogli trucioli
  3. Gruppo testa motrice fissa
  4. Mandrino
  5. Gruppo carrelli
  6. Torretta porta utensili
  7. Testa mobile
  8. Gruppo barre
  9. Dispositivi di sicurezza

1) BASAMENTO

basabento

Il basamento è costituito da una struttura portante in ghisa fusa a forma di bancale, nel cui interno sono alloggiati il motore elettrico, il serbatoio del lubrificante e la centralina elettrica.

Nella parte superiore sono ricavate le guide per lo scorrimento della testa mobile e della contro punta.

Le guide che si trovano sul bancale servono per lo scorrimento del carro porta utensile e della testa mobile.

Le guide sono larghe per evitare delle pressioni elevate, sono indurite mediante tempia superficiali, alcune possono anche riportare e fissate da alcune viti.

2) VASCA RACCOGLI TRUCIOLI

vasca racogli liquido tornio

Per migliorare le prestazioni di lavoro sul tornio è istallato un serbatoio di raccolta, riciclaggio e rimessa in funzione del liquido refrigerante che viene utilizzato per raffreddare il pezzo e l’utensile; questo serve anche per la raccolta dei truccioli delle lavorazioni.

 

testa motrice

3) GRUPPO TESTA MOTRICE FISSA

Si trova sopra il bancale sulla parte sinistra che comprende :

  • Albero mandrino
  • Cinghie di trasmissione
  • I ruotismi per il cambio di velocità del mandrino e degli avanzamenti degli utensili.

Nella testa motrice il moto viene trasmesso dal motore attraverso una puleggia, mediante cinghie trapezoidali.

Le diverse velocità del mandrino si ottengono per mezzo di cambi di velocità a ingranaggi, oppure, mediante variatore di velocità.

4) MANDRINO

mandrino autocentrante 4 griffe 125mm

Esistono due tipi di mandrino:

  • Autocentrante che viene usato quando la contropunta è in asse con il pezzo. Questo tipo di mandrino ha tre grinfie che avanzano contemporaneamente verso il centro del mandrino.
  • Grinfie indipendenti e quello che viene usato quando la contropunta non è in asse con il pezzo. Questo tipo di mandrino ha quattro grinfie indipendenti. Il pezzo nel mandrino può essere montato a sbalzo, cioè lavorare il pezzo direttamente dentro il mandrino; oppure si può montare il pezzo fra le punte, e cioè  il pezzo viene sostenuto da una punta collegata al mandrino motore e da una contropunta.

È generalmente forato per consentire il passaggio della barra semilavorata.

Sulla parte interna sostiene mediante filettatura un mandrino autocentrante (i morsetti si chiudono contemporaneamente)

5) GRUPPO CARRELLI

gruppo carelli

È costituito da :

Carro (o slitta) longitudinale = (il movimento può essere manuale ed automatico)

  • Esegue lavorazioni lungo l’asse longitudinale. Scorre longitudinalmente lungo le guide del bancale ed è provvisto di una slitta trasversale ad di sopra di questa si trova una slitta superiore che può ruotare intorno ad un asse verticale è scorre lungo una guide, in modo da fissare nella posizione più adeguata la sopra stessa torretta portautensile.

Carrello (o slitta) trasversale = è sopra il carro longitudinale e si muove perpendicolare all’asse del pezzo (anche qui il movimento può essere manuale o automatico)

  • Il carrello portautensili è provvisto: nella parte superiore è collegata una piastra girevole o dispositivi manuali di regolamentazione e di bloccaggio, ma e anche collegato ad due lunghe barre orizzontali in grado di trasmettergli moti automatici di avanzamento.

Carrellino superiore = è appoggiato sulla piastra girevole del carrello trasversale, esso può dunque avanzare e ruotare.

  • Si ruota per le torniture coniche.

6) TORRETTA PORTA UTENSILI

torretta porta utensili tornio

È di forma quadrata e viene posta sopra il carrello superiore, ruota attorno ad un perno e può montare gli attrezzi porta utensili.

7) TESTA MOBILE (CONTROTESTA)

Testa mobile o controtesta

È posizionata sulla parte destra del bancale e scorre sulle guide longitudinali.

Sul canotto della controtesta si possono montare :

  • Contropunta ruotande
  • Un mandrino porta utensili
  • Delle punte per forare

8) GRUPPO BARRE

gruppo barre

Servono a dare il movimento trasversale e longitudinale ai carrelli e a far partire il mandrino.

Si compone:

  • Vite madre (per filettatura)
  • Barra scalanata (per gli avanzamenti)
  • Barra rotazione mandrino (per avviare il mandrino)

9) DISPOSITIVI DI SICUREZZA

sicurezza tornio 1

Il tornio è provvisto inoltre di dispositivi elettrici e meccanici di accensione- arresto e di regolazione dei diversi modi; obbligati sono anche i dispositivi di sicurezza quali l’arresto di sicurezza e lo schermo protettivo con interruttore di sicurezza.

Vi consiglio l’acquisto libro: CLICCA QUICLICCA QUA CLICCA QUICLICCA QUA

Vi consiglio l’acquisto tornio parallelo: CLICCA QUICLICCA QUACLICCA QUICLICCA QUACLICCA QUICLICCA QUA CLICCA QUICLICCA QUACLICCA QUICLICCA QUA

Vi consiglio l’acquisti accessori: CLICCA QUICLICCA QUACLICCA QUI CLICCA QUACLICCA QUI CLICCA QUACLICCA QUICLICCA QUACLICCA QUICLICCA QUA – CLICCA QUI

Questo articolo contiene link di affiliazione icona              

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.